NewsItaliaNET

Il rover Perseverance della NASA è atterrato in sicurezza su Marte

Il rover Perseverance della NASA è atterrato in sicurezza su Marte dopo il suo viaggio di 292,5 milioni di miglia dalla Terra. Il rover è atterrato senza problemi secondo il team della missione.

Percy“, come viene chiamata affettuosamente la navicella al controllo missione ha inviato le sue prime immagini del sito di atterraggio immediatamente dopo e mostra l’ombra del rover sulla superficie del suo sito di atterraggio del cratere Jezero.

Il rover ha intrapreso un viaggio di quasi 300 milioni di miglia da quando ha lasciato la Terra più di 6 mesi fa. Perseverance e la sua squadra sono state all’altezza dell’omonimo, superando le sfide della preparazione per le fasi finali del viaggio durante inoltre una pandemia in corso.

La missione Mars 2020 Perseverance incarna lo spirito di perseveranza della nostra nazione anche nelle situazioni più impegnative, ispirando e facendo avanzare la scienza e l’esplorazione. La missione stessa personifica l’ideale umano di perseverare verso il futuro e ci aiuterà a prepararci per l’esplorazione umana del Pianeta rosso negli anni ’30.

Il presidente Joe Biden ha chiamato Jurczyk e ha detto: “Congratulazioni, amico”, e ha condiviso le sue congratulazioni alle migliaia di persone coinvolte nella missione.

Biden ha anche twittato sull’atterraggio: “Congratulazioni alla NASA e a tutti coloro il cui duro lavoro ha reso possibile lo storico sbarco di Perseverance. Oggi ha dimostrato ancora una volta che con il potere della scienza e l’ingegnosità americana, nulla è oltre il regno delle possibilità“.

La “storia d’amore” dell’umanità con Marte è duratura, piena di meraviglie sulla possibilità di vita su questo misterioso pianeta così vicino e così misterioso. Questa missione storica può cercare prove che potrebbero darci la risposta “C’è stata vita su Marte?”.

La ricerca di segni di vita antica su Marte. Il primo elicottero che vola su un altro pianeta. Le prime registrazioni di suoni sul pianeta rosso.

Il rover più sofisticato che la NASA abbia mai costruito ha un’agenda fitta per i prossimi anni.

Il rover esplorerà il cratere Jezero, il sito di un antico lago che esisteva 3,9 miliardi di anni fa, e cercherà i microfossili nelle rocce e nel suolo. Le missioni di follow-up restituiranno campioni di questo sito raccolti da Perseverance sulla Terra entro il 2030.

Insieme al viaggio con Perseverance c’è un esperimento per pilotare per la prima volta un elicottero, chiamato Ingenuity, su un altro pianeta.

A causa degli eccitanti eventi odierni, i primi campioni incontaminati provenienti da luoghi accuratamente documentati su un altro pianeta sono un altro passo avanti verso il ritorno sulla Terra”, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Direzione della missione scientifica della NASA.

“La perseveranza è il primo passo per riportare roccie da Marte. Non sappiamo cosa ci diranno questi campioni incontaminati di Marte. Ma quello che potrebbero dirci è monumentale, incluso il fatto che la vita potrebbe essere esistita una volta oltre la Terra.

Voto Articolo post

Condividi nei Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *